Inserisci il tuo nome utente e indirizzo email. Ottenere una nuova password
Register Now
x

Taarab: la sublime sfumatura dell’arte della musica araba

10

Tarab_arabo

Gli arabi come le altre culture, esprimono le loro emozioni attraverso la musica. La musica araba racchiude una sublime sfumatura chiamata taarab. Del taarab, non possiamo precisamente risalire all’anno in cui si praticava quest’arte per la prima volta, ma siamo certi che questa musica si è diffusa dall’antica Mesopotamia in tutto il mondo. Il verbo ‘’tariba’’, da cui deriva il termine ‘’taarab’’ ha tanti significati, se lo traducessimo nella nostra lingua significherebbe : essere commossi da gioie o dolori, provare emozioni di piacere o malessere, andare in estasi, essere scosso o agitato; sta all’ascoltatore interpretare quale emozioni il cantante, i musicisti e la danzatrice vogliono comunicare, perché il taarab non è solo una melodia o un genere musicale, ma un’interpretazione musicale di un testo, la quale genera nell’ascoltatore quasi un rapimento emotivo.

TaraabGli arabi distinguono la figura  del cantante  in mughanni cioè colui che esegue con la voce una melodia e il murtrib che è l’interprete ed ha la capacità tecnica interpretativa e sensibilità artistica che genera le vere emozioni del taarab. L’interpretazione anima le emozioni , gli strumenti l’estasi. Il taarab può essere suonato da diversi strumenti: l’ud o liuto che significa legno, è lo strumento più usato nella cultura araba e solitamente ha quattro corde, il req o taar è costituito da piattini di metallo ed ha il compito di mantenere il ritmo con il darbouka o tamburo, questi ultimi possono essere accompagnati dal nay soprattutto per accompagnare nell’interpretazione il murtrib. La musica taarab, molto spesso oltre che recitata e suonata viene accompagnata da una danzatrice che interpreta le parole e la musica per far intendere nei miglior dei modi l’espressione di quest’arte. La ballerina indossa molti accessori originali e abiti che fanno risalire al pubblico la bellezza della cultura araba; gli accessori sono bracciali e cavigliere molto colorati e pieni di brillanti e sonagli, una coroncina di strass e perline luccicanti per mettere in risalto la sua bellezza e un velo di seta riempito di campanellini che usa per danzare, gli abiti coloratissimi e pieni di monetine, in modo che qualsiasi movimento la ballerina faccia il rumore scandisca il ritmo della musica. La danzatrice danza in pinta di piedi e con dei gesti delicati riesce a muovere tutto il corpo allo stesso tempo. Questa particolare arte è come se fosse una storia, non bisogna inseguirla, ma bisogna interpretarla e sentirsi i protagonisti.

A proposito di : Karima Gallah

Karima Gallah

Sono Karima Gallah, sono italo-tunisina, vivo nella provincia di Bari, ma la mia mente vive in Tunisia, è lì che ho piantato le mie radici, vivo facendo sogni e cercando di realizzarli, i miei hobby preferiti sono: leggere e scrivere, vedere film e ascoltare musica araba.

0 pensieri su “Taarab: la sublime sfumatura dell’arte della musica araba”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

?>