Inserisci il tuo nome utente e indirizzo email. Ottenere una nuova password
Register Now
x

Khaleegy: i vivaci passi del mare

20

Il mare, uno dei regali più belli che la natura potesse regalarci, quanti misteri, quante bellezze quanti colori racchiude in sé. Nel Golfo Persico, che bagna la penisola arabica cioè i paesi: dell’Arabia Saudita,Kuwait,Oman, Bahrain, Quatar e gli Emirati Arabi; gli arabi hanno dedicato uno stile di musica al mare, quest’arte si chiama khaliji [ خليجي ] o (khaleegy, Khaleeji, Khaleegi) che letteralmente significa ’’il mio golfo’’ si riferisce al Golfo arabo. Questa danza è un ballo folkloristico tradizionale ballato dalle donne locali. Questa musica è ballata a piedi nudi e trasmette tanta vivacità e gioia; infatti è praticata in qualsiasi festa tradizionale importante. Solitamente, è ballata da una sola ballerina, ma lo spirito allego coinvolge tanto il pubblico.

Khaliji

Il costume tradizionale della danza khaleegy è composto da due abiti di seta di cui uno più robusto rispetto alla tunica che si chiama thobe, gli ornamenti se ci sono, sono semplicissimi, i colori del vestito sono contrastanti per creare piacevoli combinazioni di colori, completi di collane, di bracciali e di orecchini; le donne sono molto curate e quando ballano portano i capelli sciolti. I principali movimenti per questa danza sono compiuti dalle mani, della testa e dal thobe stesso; si muovono per creare delle forme ondulate per ricordare il mare e  danzando in cerchio per indicare la forma che assuma l’acqua quando viene toccata da un’altra goccia; le mani formano figure con diversi significati come: i pesci, le tartarughe marine o possono rappresentare dei sentimenti.  Il khaleegy potrebbe avere un testo che la ballerina deve conoscere bene, per interpretarlo con i movimenti e dare un significato concreto alle parole della canzone. Gli strumenti che compongono queste bellissime melodie sono: l’ud o liuto, il darbouka o tamburo, il violino, il flauto e a volte anche il piano elettrico. Gli arabi hanno inventato questa danza per ricordare sempre le loro origini e anche per dare un senso a tutti i misteri marini; se un giorno potremmo ascoltare le parole del mare, saremo felici di interpretare le sue storie.

A proposito di : Karima Gallah

Karima Gallah

Sono Karima Gallah, sono italo-tunisina, vivo nella provincia di Bari, ma la mia mente vive in Tunisia, è lì che ho piantato le mie radici, vivo facendo sogni e cercando di realizzarli, i miei hobby preferiti sono: leggere e scrivere, vedere film e ascoltare musica araba.

0 pensieri su “Khaleegy: i vivaci passi del mare”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

?>